Amy Winehouse e la maledizione del 27

Pubblicato il da Emma J. Rose

La cantante Amy Winehouse è stata trovata morta nel suo appartamento di Londra sabato 23 luglio 2011. Aveva 27 anni e al diffondersi della notizia hanno preso a circolare voci su una sua possibile appartenenza alla cerchia dei rockers maledetti: Janis Joplin, Jimi Hendrix, Jim Morrison, per citare i più famosi. Ma ha davvero senso questa affermazione?

La risposta è no. Analizziamo la situazione. Il paragone tra la Winehouse e i rockers maledetti del passato è stato fatto sulla base dell'età e della causa della morte, elementi, questi, che non sono sufficienti a rendere la moderna esponente della musica black confrontabile con i grandi personaggi del passato. Rientrano infatti tra i musicisti maledetti anche Sid Vicious, morto a 22 anni, o John Lennon, morto a 40 anni. Insomma, l'età non basta.

Per quanto riguarda la causa della morte va detto che non tutti i cosiddetti rockers maledetti sono morti di overdose. L'unico per cui è accertata la morte per overdose è in realtà Sid Vicious, drogato dalla madre che voleva evitargli di sostenere il processo (quello per la morte della fidanzata Nancy). Per Janis Joplin si ipotizza una morte per overdose sulla base della sola dinamica dell'evento. Jim Morrison è stato trovato morto nella sua vasca da bagno e non se ne conosce la causa. Kurt Cobain si è ucciso. John Lennon è stato ucciso da un fan. E via dicendo..

E questi non sono i soli fattori che allontanano la Winehouse da personaggi come Jimi Hendrix e compagnia. Personaggi come quelli citati hanno letteralmente fatto la differenza nella storia della musica: Hendrix era un chitarrista nero, mancino e autodidatta; Janis Joplin ha praticamente creato il soul; i Sex Pistols sono i padri fondatori del punk; John Lennon e i Beatles hanno dato luogo alla "rivoluzione dei capelli lunghi"; Jim Morrison è il creatore del rock psichedelico. Amy Winehouose? Una come tante nella musica leggera.

Neanche il genere musicale è compatibile: tra il pop dai toni black della Winehouse e il rock delle star passate ce n'è di strada. Insomma, non sembra esserci assolutamente niente che permetta di ritenere la compianta Amy una di loro. Il paragone si basa su una sorta di fenomeno mediatico per cui ogni qualvolta un personaggio della musica passa a miglior vita esso viene immediatamente designato come maledetto. Tanto più se è giovane ed è morto di overdose.

en:Amy Winehouse | Amy Winehouse at the en:Eurockéennes | Eurockéencdcovers/janis joplin/pearl.jpg

Commenta il post